I segreti per verniciare correttamente una superficie zincata

barra

Sempre più spesso lamiera e profilati di acciaio vengono protetti con un trattamento di zincatura; più comunemente consiste nell’immergere i pezzi in un bagno di zinco fuso, che aderisce spontaneamente alla superficie del metallo.
La zincatura esercita tre azioni protettive del supporto:
In primo luogo, il rivestimento zincato si corrode molto lentamente dando al manufatto una vita più lunga.
Secondo, il rivestimento si corrode preferenzialmente per proteggere catodicamente ogni piccola area esposta all’ambiente a causa di successive trapanature, tagli o qualsiasi danno accidentale: tali aree sono sigillate dai prodotti di corrosione dello zinco stesso.
In terzo luogo, se l’area danneggiata si fa più grande, la protezione catodica previene il dilagare della ruggine sotto la verniciatura.

Il ferro zincato viene lasciato “stagionare” almeno due anni in maniera da consentire una giusta ossidazione dello zinco. Durante questo periodo la lamiera non ha bisogno di alcuna protezione. Gli antiruggine non sono compatibili con la zincatura, pertanto non devono assolutamente essere impiegati.

Si può procedere alla verniciatura con smalto direttamente sullo zinco, dopo aver lavato la superficie con un solvente; meglio ancora se si applica una mano di fondo con un primer specifico per lo zinco.
Successivamente al primer è possibile procedere sia con un’applicazione di antiruggine tradizionale (non un convertitore), sia direttamente con la verniciatura a smalto.

Nel caso di una superficie zincata già trattata a smalto, prima di riverniciare sarà necessario rimuovere lo smalto precedente. Per questa operazione di sverniciatura si consiglia l’utilizzo di sverniciatori chimici o della pistola per la sverniciatura a caldo: carta vetrata e abrasivi di vario genere infatti rischiano di ledere lo strato di zinco mettendo a rischio di ruggine il supporto.

Una volta sverniciata, si può procedere lavando e sgrassando la superficie per poi applicare il primer e lo smalto colorato.

Piccoli passi per un grande risultato!

Condividi
Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *